Sei in home convegno-internazionale-sict:-i-risultati

NEWS

SICt

Convegno internazionale SICt: i risultati

Due giornate di grande interesse per la mid term conference del progetto.

Che cosa si deve intendere per resilienza delle infrastrutture critiche transfrontaliere, quali sono le strategie per rafforzarla e quale è il valore aggiunto che può portare una logica di coperazione nel raggiungimento di questo obiettivo, sono stati i temi al centro del convegno internazionale del progetto SICt, che ha visto la partecipazione sia in presenza sia a distanza di numerosi "decisori" della sicurezza tra istituzioni, gestori e operatori del soccorso italiani e svizzeri.

La mattina del 1 ottobre è stata dedicata alla presentazione delle tematiche e dello stato di avanzamento del progetto SICt, uno dei 7 progetti su 67 del Programma Interreg Italia-Svizzera inquadrati nell'Asse V, che ha come obiettivo il rafforzamento dei sistemi di governance tranfrontaliera. Proprio in quest'ambito l'Autortà di Gestione del Programma ha annunciato la prossima apertura di un nuovo bando per progetti di protezione civile in situazione di emergenza sanitaria. con l'assegnazione di nuove risorse.

Una sezione dei lavori è stata dedicata a illustrare le tecnologie di supporto al progetto per sviluppare le funzioni di monitoraggio, elaborazione dati e condivisione di informazioni, dal moke up della piattaforma PIC presentato da ARIA che dovrà integrare le diverse componenti, ai dati InSAR di interferometria satellitare per il monitoraggio del territorio, al sistema GRRASP-DMCI per l'analisi della funzionalità delle infrastrutture di trasporto.

Al termine della mattina si è svolta la Tavola rotonda sulle sinergie tra i due progetti SICt e Gestisco, coordinata dal Politecnico di Milano, a cui hanno preso parte Regione Lombardia, la Sezione del militare e della protezione della popolazione del Cantone Ticino, la Pefettura di Varese e Fondazione Politecnico.

Il pomeriggio è stato dedicato ai tavoli tecnici sui due scenari di studio individuati da SICt, con l'obiettivo principale di mettere a fuoco i parametri che richiedono un approccio di collaborazione transfrontaliera nella gestione di una situazione di emergenza.

Al primo tavolo, incentrato sullo scenario del deragliamento di un convoglio ferroviario sulla linea Luino-Bellinzona con dispersione di sostanze pericolose, hanno partecipato tra gli altri la Prefettura di Varese, la Provincia del Verbano Cusio Ossola, RFI, ANAS. AREU. la Polizia Stradale e quella Ferroviaria di Varese per parte italiana, mentre per la Svizzera erano presenti SBB CFF FFS, la Polizia Cantonale Ticinese, il Dipartimento del Territorio in rappresentanza di USTRA e i Pompieri della città di Bellinzona.

Il secondo tavolo, dedicato al caso studio di una nevicata intensa sull' Autostrada A36 Pedemontana sull'asse Como - Lugano, ha visto il coinvolgimento, oltre a Pedemontana, del Vice Qustore di Como, della Polizia Locale di Como, di ANAS e AREU per l'Italia, e della POLCA, di SBB CFF FFS per parte svizzera.

Al termine l'intervento di Regione Lombardia ha disegnato i prossimi passi di questo percorso, che vede l'attivazione di sottogruppi per la conclusone dell'analisi sugli scenari.

La mattina di venerdì 2 ottobre i lavori del Convegno sono stati focalizzati sulla presentazione di progetti ed iniziative di respiro internazionale nel campo della resilienza delle infrastrutture critiche, con la finalità di far emergere esperienze e approcci applicabili anche su una più vicina scala locale. Con il coordinamento di Cirint. net si sono susseguiti gli interventi di J. Urquhart, che ha ripercorso l'esperienza del goveno scozzese in materia di resilienza delle infrastrutture critiche, e le presentazioni di quattro progetti: GINOM AI - Global Meta Simulation tool for training and decision support (G. Perlberg, Electric Infrastructure Security (EIS) Council), BSX - Emergency All-Hazards Communication System (F. Koza, Electric Infrastructure Security (EIS) Council), IN_PREP project (E. Sdongos, Institute of Communication and Computer Systems (ICCS), National Technical
University of Athens) e PANOPTIS (D. Diagourtas, Satways Ltd).

Le presentazioni saranno a breve disponibili sul sito di SUPSI.