Sei in home progetti BrainArt Laboratori artistici e museali

Laboratori artistici e museali

Nell'analisi dei problemi e dei bisogni alla base di BrainArt, è risultata evidente una scarsità di iniziative culturali dedicata a persone affette da decadimento cognitivo. Da questa osservazione è nata la nostra idea di "ART ASSIGNMENTS", che partono dalle opere esposte nei musei, secondo un programma curatoriale progettato di volta in volta con operatori-artisti, designer tecnologici e verificato anche con consulenti psicologi e scientifici. Nello sviluppo delle nostre attività artistiche legate al progetto ci poniamo l'obiettivo si contribuire al miglioramento della qualità della vita dei pazienti coinvolti, ma anche, allargando l'orizzonte, la creazione di nuovi percorsi che facciano da ponte, nelle comunità, tra il settore culturale e quello socio-sanitario, e, infine, la diminuzione dello stigma sociale nei confronti dei pazienti affetti da patologie dementigene. Il WP si articolerà in due segmenti, una parte museale ed una extra-museale. Per la parte museale,che seguirà il percorso di formazione che gli operatori museali avranno seguito con CRAMS e il Museo Vela, abbiamo programmato la produzione di 4 serie di incontri-laboratorio in cui i pazienti selezionati (18 soggetti con patologie dementigene lievi) parteciperanno a degli atelier in cui, tramite l'utilizzo delle tecnologie sviluppate (Sound-touch, Soundbeam e SoundAir) si attiveranno dei percorsi di attivazione e ri-attivazione sensoriale e di fruizione delle produzioni artistiche museali. La parte extra-museale, a sua volta seguente gli incontri di preparazione tra artisti e caregivers organizzati da CRAMS, vedrà i 3 giovani artisti selezionati affiancarsi a pazienti affetti da patologie dementigene e ai loro caregivers formali ed informali per una settimana. Questa settimana di confronto ed interazione tra artisti, pazienti e caregivers genererà delle restituzioni artistiche multimediali, che verranno poi esposte in eventi e mostre e diventeranno prodotto itinerante e spendibile del progetto BrainArt. Le due tipologie di laboratori, quelli museali e quelli extra-museali, genereranno una serie di eventi, mostre, esibizioni ed installazioni, che avranno da un lato lo scopo di rendere fruibile un percorso artistico e sensoriale ai pazienti affetti da patologie dementigene, dall'altro quello di incontrare il pubblico e la sua sensibilità, avvicinarlo alla tematica della demenza e combatterne attivamente lo stigma sociale. In funzione di questa attività di “residenza” sperimentale è stata prevista una formazione extra-museale che consisterà di un percorso di 4 incontri tra i 3 artisti selezionati e i pazienti dementigeni con i loro caregivers, a cui verranno assegnati. Il percorso di incontri servirà a preparare le parti all'interazione tra loro, alle dinamiche che si potranno sviluppare durante la settimana di affiancamento che precederà la produzione delle rispettive restituzioni artistiche. Artisti e pazienti e caregivers formali ed informali familiarizzeranno tra loro, impareranno a conoscersi e a immaginare le risposte degli uni e degli altri a stimoli, azioni ed interazioni. Anche in questi percorsi, saranno presentate le tecnologie in sperimentazione, così da consentire l'utilizzo delle stesse durante la settimana di affiancamento tra artisti e pazienti. Infine, data la disponibilità dello strumento tecnologico da parte del capofila CRAMS, si prevede anche nella sede di Lecco la realizzazione di due workshop su due gruppi target misti, con pazienti affetti da patologie dementigene e non affetti da patologie dementigene, per simulare lo strumento in percorsi museali da portare in strutture culturali della Lombardia.