Sei in home progetti e-bike

e-bike

Garantire la conservazione, la promozione e lo sviluppo del patrimonio naturale e culturale dell’area ed aggregare l’offerta turistica del territorio creando un cluster ad hoc. E’ questo ciò a cui punta il Progetto E-bike: aumentare la presenza di turisti sportivi e sportivi turisti nell’area permettendo la conoscenza di tutto quello che il territorio può offrire.

E così, con una ciclovia alpina, che si snoderà per i sentieri delle Alpi italo svizzere, e-bike punta a mettere a sistema tutte le realtà imprenditoriali del territorio in un unico cluster e garantire ai potenziali fruitori un unico luogo fisico in cui conoscere il territorio, programmare la propria esperienza e scoprire la Alp e-xperience aperta a tutti grazie all’utilizzo della mountainbike a pedalata assistita.

La ciclovia partirà dal Forte di Bard, in Valle d’Aosta, attraverserà l’area pedemontana piemontese per poi risalire verso il lago Maggiore. Da lì, con attraversamenti ecosostenibili, sarà possibile “sbarcare” in Lombardia o proseguire verso l’area ticinese per poi pedalare sul confine italo-svizzero, attraversare la regione luganese, il lago di Lugano, Porto Ceresio e, attraverso i sentieri della Valle d’Intelvi, trovarsi a godere delle meraviglie del Lago di Como. Ancora attraversamenti ecosostenibili e via sulla ciclabile del fiume Adda per risalire le Alpi dalla Val Malenco e pedalare verso Poschiavo, dall’alta Valtellina per trovarsi a Livigno.

Per ogni tratta sarà garantita la possibilità di ricarica, presso rifugi, bike hostels, bike grill o colonnine distribuite sul territorio. Saranno disponibili ciclofficine per l’assistenza ed un parco bici, distribuito tra la Valle d’Aosta, il Piemonte e la Lombardia per un accesso, in un qualsiasi punto del tracciato, in piena autonomia e “viaggiando leggeri”.

E-bike punta anche alla sicurezza e per questo guide professionali saranno formate proprio per il supporto del cicloturista e per la conoscenza approfondita del territorio così da garantire il supporto all’utenza, l’assistenza ma anche una e-xperience consapevole attraverso il patrimonio naturale e culturale delle aree attraversate.

Tutto questo è e-bike: la scoperta di un territorio aperta a tutti.

durata progetto


36 mesi

data inizio


29. 07. 2019

data fine


28. 07. 2022

ASSE 2 - VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO NATURALE E CULTURALE


Obiettivo specifico 2.2 - Maggiore attrattività dei territori caratterizzati da risorse ambientali e culturali con specificità comuni


A) Sviluppo di iniziative per la conoscenza, conservazione, gestione e valorizzazione sostenibile del patrimonio naturale e culturale (materiale e immateriale).

B) Elaborazione e armonizzazione di strategie e strumenti, buone pratiche e progetti pilota per ridurre gli impatti connessi al cambiamento climatico sulle risorse naturali e culturali e conseguentemente adattare le politiche di sviluppo territoriale.

E-bike, in quanto progetto di supporto alla creazione di una rete fisica e di una rete di imprese, fa riferimento a 4 tipologie di gruppi target:

1. Turisti: si prevede un incremento del turismo legato all’e-bike che si adegui progressivamente al trend delle aree in cui questo è maggiormente sviluppato con un trend +5-23%)

2. Imprese e operatori privati nel settore turistico (settore alberghiero, della ristorazione, dei servizi turistici ecc). Si prevede di coinvolgere 50 imprese nel cluster e-bike tra bike hostels alberghi, rifugi alpini e turistici, bikegrill, cicloofficine e punti di noleggio oltre che i collegi delle guide alpine nelle attività di sviluppo delle soluzioni innovative per la destagionalizzazione dei flussi turistici e nei percorsi di accompagnamento alla creazione del cluster.Esercizi commerciali che beneficeranno come indotto dell’aumento delle presenze turistiche

3. Enti per lo sviluppo del Turismo e della Cultura dei territori, associazioni di categoria (Federalberghi, confesercenti) P.A. locali. Si prevede di raggiungere 30 Enti pubblici e privati per lo sviluppo dei territori. Questi soggetti saranno coinvolti nelle azioni di analisi dei flussi turistici dei territori e della domanda di sviluppo dei medesimi e saranno coinvolti nella selezione e valutazione delle iniziative di destagionalizzazione dei flussi turistici.

4. Le Amministrazioni locali avranno un beneficio diretto in termini di visibilità

5. Altri progetti interreg IT-CH con attività di infrastrutturazione sulla mobilità dolce potranno beneficiare dell’integrazione delle imprese sul territorio oggetto di investimento e dell’inserimento nel sistema di promo commercializzazione oltre all’inserimento dei singoli circuiti all’interno della ciclovia delle alpi (6 potenziali progetti).


1. Assorifugi

2. Collegio regionale guide alpine

3. Federalberghi

4. Assolombarda

5. FIAB

6. Confindustria

7. EUROVELO (associazione europea itinerari cicloturistici)

8. DMOs

9. Associazione bikehotel della Val Venosta

10. ADAVA (associaz.albergatori VDA)

11. Trenord

12. Trenitalia

13. SAD

14. Navigazione laghi (nav. Lago d’Orta, costituendo consorzio Lago Maggiore e Ceresio)

15. Produttori energia (A2A, Edison)

16. Perego autotrasporti

17. Impianti di risalita, Autopostale, capanne alpine e altri attori coinvolti nell’Unità di competenza regionale (UCR) di Lugano Turismo dedicata alla messa in scena della montagna

18. AGENVA (associazione guide escursionistiche naturalistiche)

19. TCI, CAI Lombardia

20. Ferrovie retiche

21. Associazione Geologia e Turismo

22. Sistema turistico territoriale (ATL, Ag. In house) e culturale (Fondazione Piemonte dal Vivo)

23. Enti Parco (Parco Campo dei Fiori, Parco dello Stelvio)

24. Velo Club e associazioni di cicloamatori


Regione Lombardia / ERSLuganese / Regione Piemonte / ASSOCIAZIONE FORTE DI BARD / AZIENDA DI PROMOZIONE E SVILUPPO TURISTICO DI LIVIGNO S.R.L. / Ente Regionale per i Servizi all'Agricoltura e alle Foreste - ERSAF / Università degli Studi di Milano / Lugano Turismo / Polo Poschiavo


Il progetto opererà in un’ottica di valorizzazione del contesto territoriale, promuovendo attività e iniziative finalizzate a ridurre le pressioni ambientali e l’eco-innovazione di processo.

I soggetti coinvolti lungo gli itinerari come punti tappa saranno individuati anche sulla base del possesso di certificazioni ambientali e di qualità .

L’approvvigionamento energetico dei siti di ricarica dovrà privilegiare l’impiego di energia derivante da fonti rinnovabili e in particolare per i rifugi alpini saranno favoriti quelli che consentano l’utilizzo di pannelli fotovoltaici e microturbine idroelettriche per tale necessità.

L’interconnessione e la promozione all’uso del TPL punta a garantire la performance ambientale del progetto.

Anche per l’assistenza ai frequentatori dei circuiti, si promuoveranno scelte di approvvigionamento dei punti tappa e ristori che facciano impiego di prodotti enogastronomici derivanti da filiere locali biologiche e/o da produzioni artigianali locali di qualità

E-bike contribuisce alla promozione del turismo sostenibile in linea con la definizione stilata dall’UNWTO.

I progetti di recupero e messa in sicurezza dei sentieri e dei percorsi per la pratica dell’e-bike seguiranno un metodo orientato alla riduzione dell’impatto ambientale e paesaggistico delle opere attraverso un criterio progettuale volto al recupero dell’esistente e all’impiego di tecniche costruttive rispettose del contesto locale.

L’approccio ambientale sarà ulteriormente favorito da un’attenzione particolare per l’energia elettrica impiegata nell’alimentazione dei punti di ricarica delle e-bike. Tutti i lavori e le forniture saranno oggetto di analisi del ciclo di vita (LCA) al fine di ridurre al minimo il loro impatto.

Il progetto della passerella del Forte di Bard già in fase esecutiva è in possesso delle autorizzazioni ambientali. Il progetto non contrasta con altre componenti ambientali.

Interreg

valore totale del progetto

2.000.000,00

Interreg

CHF 381.024,00

contributo pubblico fesr

€ 1.700.000,01

contributo pubblico nazionale italiano

€ 299.999,99

Regione Lombardia - Direzione Sport e giovani

Regione Piemonte - Direzione promozione della Cultura, del Turismo e dello Sport

Associazione Forte di Bard - Valle d'Aosta

Azienda di promozione e sviluppo turistico di Livigno s.r.l. (A.P.T. S.R.L.) - Livigno (Sondrio)

Ente Regionale per i Servizi all'Agricoltura e alle Foreste - ERSAF (Sondrio)

Università degli Studi di Milano - Dipartimento di Scienze e Politiche Ambientali (DESP), Chiavenna (Sondrio)

Ente Regionale di Sviluppo del Luganese - Savosa (Ticino)

Lugano Turismo (Ticino)

Polo Poschiavo (Grigioni)